Carpanelli

Gate Shade

Premio di architettura Bigmat

Finstral Ligna


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

PAT

La Città della Giustizia di Barcellona
Il più grande progetto di David Chipperfield e b720 Arquitectos
Autore: cecilia di marzo
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
23/09/2009 - 241.519,92 mq di superficie, 11.666 finestre, 96,500 m³ di cemento di cui 9,500 m³ utilizzati per le facciate, 130 progettisti tra architetti e collaboratori, 10.000 disegni per il solo progetto esecutivo, 3.677 giorni dedicati al progetto, 14 gru impiegate per la realizzazione. Questi i numeri che caratterizzano la Città della Giustizia di Barcellona, progettata da David Chipperfield Architects e dallo studio barcellonese b720 Arquitectos, vincitori nel 2002 del concorso internazionale a partecipazione ristretta.
 
Il progetto, la cui realizzazione è terminata quest’anno, si propone di risolvere l’attuale situazione che vede i differenti dipartimenti giuridici della città di Barcellona e de L’Hospitalet de Llobregat - comune a sud della città e facente parte integrante dell'area metropolitana della stessa - sparsi nelle due città in 17 edifici.
 
L’unificazione di tutti gli uffici giudiziari nella nuova Città della Giustizia darà come risultato una maggiore efficienza, permetterà l’adattamento degli spazi di lavoro alla costante trasformazione del corpo giudiziario nonché ampliamenti futuri.
 
Il sito su cui sorge, in origine occupato da caserme militari, è al confine tra le due città, nei pressi della Gran Via - una delle strade principali di accesso al centro di Barcellona - e dell'Avenida del Carrilet - un'arteria che porta al cuore de L'Hospitalet.
 
La proposta più significativa del progetto è la frammentazione dei 241.519,92 m2di superficie costruita in una serie di edifici separati, e al contempo correlati, disposti su uno spazio che sarà “piazza pubblica”.
Gli edifici sono blocchi con facciate portanti in cemento armato colorato. La proposta mira a bilanciare i rapporti tra le diverse aree di lavoro, aree pubbliche e paesaggio. Si tratta di 4 edifici raggruppati in un atrio: l’edificio A (Tribunale dell’Istruzione e della Famiglia), l'edificio B (Tribunale Penale), l’edificio C (Tribunale di primo grado) e l'edificio F (Avvocatura e Tribunale dei Minori). Un secondo gruppo è formato da una serie di edifici, in un certo senso autonomi, che corrispondono a funzioni più varie. Due di questi integrano un insieme di uffici giudiziari dipendenti (Edificio G - Istituto di Medicina Legale) e l’edificio H (Tribunale de l'Hospitalet de Llobregat). Gli edifici J e DSE sono destinati ad usi Accessori e Complementari delle attività giudiziarie, l’edificio I avrà funzioni Sociali Complementari.
 
L'atrio diventa lo spazio pubblico principale del complesso e ha carattere di zona di relazione e circolazione principale della Città della Giustizia fungendo da strada di distribuzione e come filtro di accesso alle diverse unità giuridiche.
 
Il colore, in questo progetto, gioca un ruolo importante perché ogni edificio è identificato da una propria tinta. Le imponenti facciate sono di cemento colorato fatto in situ nel cui impasto viene direttamente aggiunto il pigmento a base di ossidi di ferro (ad eccezione del verde che è ossido di cromo) che posseggono tra le loro caratteristiche la durabilità e la stabilità delle tinte che non variano con l’esposizione ai raggi UV.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news più precisa e completa.

ULTIME NEWS SU ARCHITETTURA E DESIGN
15.02.2019
Inaugurato il Longgang Cultural Centre
14.02.2019
Studio Fuksas per il nuovo aeroporto russo di Gelendzhik
13.02.2019
Un guscio traslucido avvolge l’asilo progettato da Petr Stolín Architekt
» le altre news


EVENTI SU ARCHITETTURA E DESIGN
17/02/2019 - m.a.x. museo, chiasso (svizzera),
FRANCO GRIGNANI (1908-1999). Polisensorialità fra arte, grafica e fotografia

21/02/2019 - milano via bergognone 27, 20144 milano milano, 20144 it
The Architects Series: WEISS/MANFREDI
video + conferenza + mostra di architettura
13/03/2019 - fiera milano rho
MADE EXPO 2019

» gli altri eventi
 NEWS CONCORSI
+15.02.2019
RO Plastic Prize
+14.02.2019
Porto Canale - Approdo per i pescatori di Torvaianica
+13.02.2019
Premio Design Abruzzo 2019
+12.02.2019
Build Our Safety_Packaging Innovation_In_Cantiere
+11.02.2019
Democratic Umbrella
tutte le news concorsi +

Hoppe
ADA 2018
Urbantime
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2001-2019 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati