TOOA SPA


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS


È nel Chianti la nuova sede produttiva italiana della maison Celine
La Manufacture promuove l’idea dell’ambiente di lavoro come luogo di bellezza
Autore: cecilia di marzo
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
Foto Marco Cappelletti Foto Marco Cappelletti
22/06/2022 - La Manufacture, la nuova sede produttiva della maison Celine in Italia si trova a Radda in Chianti (SI), articolata in volumi rigorosi ed eleganti adagiati sulle colline toscane di cui ne interpretano l’andamento. A firmare i 5.200 mq della nuova sede, specializzata nella pelletteria, lo studio MetroOffice Architetti di Fabio Barluzzi e Barbara Ponticelli.
 
Con il progetto per La Manufacture, MetroOffice propone un’opera caratterizzata da alti standard qualitativi e da costi di realizzazione relativamente contenuti. Le scelte compositive interpretano l’identità della maison francese attraverso il ricorso a un disegno essenziale ed estremamente sensibile alle qualità ambientali presenti nel territorio in cui è inserita la nuova sede produttiva. Grandi vetrate, luce naturale, aperture e schermature con l’esterno: La Manufacture promuove l’idea dell’ambiente di lavoro come luogo di bellezza.
 
Pienamente aperta al territorio, essa dà luogo a un’architettura permeabile che inquadra la campagna, filtra lo sguardo e propone inconsuete aperture delle quali beneficiano tutte le persone impegnate nelle lavorazioni. Un ambiente produttivo unico che sorge in un contesto di elevata qualità paesaggistica, nelle colline del Chianti, tra splendidi vigneti e piccoli borghi rurali.
 
“Il principale obiettivo del progetto è stato quello di privilegiare la vista verso l’esterno per gli artigiani, in modo che potessero avere il contatto visivo con il passare delle ore durante il giorno e delle stagioni. Un rapporto costante con la natura e la vista privilegiata che li circonda” spiega Barbara Ponticelli.
 
La trasparenza, ottenuta attraverso la combinazione di pareti vetrate e diaframmi in vetrocemento grigio sospesi, porta con sé tutto il valore simbolico delle grandi opere di architettura dell’età contemporanea. Le grandi pareti sospese in vetro cemento grigio, che hanno la funzione di regolare l’ombreggiatura degli spazi interni permettendo alla luce naturale di filtrare negli ambienti di produzione, assumono, talvolta, una leggera curvatura che li distanzia progressivamente dai volumi regolari interni. Questa scelta permette una maggiore ombreggiatura degli spazi interni e esprime una maggiore sensibilità verso l’andamento delle colline circostanti, conferendo altresì all’intera architettura de La Manufacture una specifica e univoca identità.
 
“Con questo progetto per Celine" spiega Fabio Barluzzi "abbiamo messo a punto alcuni temi sui quali stiamo lavorando da qualche anno, in dialogo costante con il settore della moda. In particolare, il team che abbiamo composto insieme a Interprofessionale ci ha portati a dare forma al luogo di produzione come laboratorio di identità per il brand e lo spazio di lavoro come territorio di ricerca per nuove soluzioni architettoniche che privilegino l’uomo e l’ambiente”.
 
Le sedi produttive sono sempre più laboratori di identità dei marchi di alta moda e la presenza di Celine a Radda in Chianti sembra confermare l’esistenza di un legame privilegiato tra quest’area italiana e l’alta moda internazionale. Insieme a Fendi (nella futura sede di Bagno a Ripoli, Firenze) e Dior e Gucci (a Scandicci, Firenze) e Prada (a Lavanella, Arezzo), Celine conferma la Toscana come meta prediletta della produzione luxury, anche in virtù delle altissime professionalità dell’artigianato.
 
Con il progetto per La Manufacture di Celine a Radda in Chianti MetroOffice tende a fissare dei nuovi standard per gli opifici collocati fuori dalle aree industriali e inseriti in ambienti di pregio ambientale. Qui prende forma una ricerca di qualità, di bellezza e di benessere, di un rinnovato dialogo con il territorio e con l’ambiente, di nuove occasioni di sperimentazione architettonica.

  Scheda progetto: La Manufacture
Marco Cappelletti
Vedi Scheda Progetto
Marco Cappelletti
Vedi Scheda Progetto
Marco Cappelletti
Vedi Scheda Progetto
Marco Cappelletti
Vedi Scheda Progetto
Marco Cappelletti
Vedi Scheda Progetto
Marco Cappelletti
Vedi Scheda Progetto
Marco Cappelletti
Vedi Scheda Progetto
Marco Cappelletti
Vedi Scheda Progetto
Marco Cappelletti
Vedi Scheda Progetto
Marco Cappelletti
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.

ULTIME NEWS SU ARCHITETTURA E DESIGN
12.08.2022
Le 10 case perfette per vacanze open air secondo Airbnb
11.08.2022
La proposta (non vincitrice) di noa* per la nuova BEIC
08.08.2022
I nuovi uffici Dress&Sommer a Stoccarda realizzati interamente in ottica sostenibile
le altre news


EVENTI SU ARCHITETTURA E DESIGN
22/09/2022 - palazzo strozzi, firenze
Olafur Eliasson: nel tuo tempo

22/09/2022 - reggio emilia
RIGENERA 2022
Festival dell'Architettura di Reggio Emilia
26/09/2022 - bolognafiere
Cersaie 2022
Salone Internazionale della Ceramica per l'Architettura e dell'Arredobagno
gli altri eventi
  Scheda progetto:
MetroOffice

La Manufacture

 NEWS CONCORSI
+17.08.2022
In chiusura ‘Italian Sustainability Photo Award 2022’
+16.08.2022
Fotografia Spazio Aperto: Triennale Milano e Gibellina Photoroad lanciano la call
+09.08.2022
Gaudi La Coma Artists' Residences
+05.08.2022
Borse di studio sul paesaggio 2022/2023
+01.08.2022
Km delle meraviglie: consegna entro il 10 agosto
tutte le news concorsi +

ADA 2022_Apply now
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicit |  Rss feed
2001-2022 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 niscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 Riproduzione riservata