Di.Big

SecuForte


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Antisismika

La "Casa con un grande portico" nella campagna veneta
L’architetto Marco Baldassa firma una composizione geometrica fatta di dettagli e scorci insoliti
Autore: rossana vinci
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
23/03/2022 - A Caldogno, l’architetto Marco Baldassa firma la 'Casa con un grande portico', una costruzione rurale che si trova al confine tra il paese e la campagna a nord di Vicenza.
I tre principali temi architettonici del progetto sono l'innalzamento del livello del pavimento rispetto al livello del suolo, la composizione spaziale dei volumi e la creazione di un cuore centrale della casa. 

Nella "Casa con un grande portico" l'idea di elevare la casa di 50 cm da terra ha portato a dare risalto ed equilibrio compositivo alle due lastre aggettanti del tetto e del basamento che contengono il fronte quasi completamente vetrato.

"La composizione geometrica del volume della casa è diventata occasione per staccare dal consueto angolo retto e creare prospettive e scorci insoliti, ma rigorosamente calibrati tra gli spazi interni e l'intorno; la percezione esterna dell'edificio è altamente mutevole. Lo spazio centrale del soggiorno è concepito come un “vuoto” creato posizionando a est i tre volumi della cucina, a nord la camera da letto con bagno e guardaroba e a ovest la camera padronale con bagno e locali di servizio; uno spazio raccolto su tre lati ma completamente aperto sul grande portico che fa riparo e si apre sul giardino", afferma l'architetto Marco Baldassa.

Il lucernario circolare di 2 m di diametro posto al centro del soffitto del grande open space collega visivamente lo spazio interno con il cielo, diventando il baricentro della casa insieme al camino a legna incassato nella parete.
La casa ha più ingressi: dalle due logge a nord, dal portico a sud, e dalla rampa pedonale che collega il giardino al livello rialzato che circonda l'edificio e collega gli spazi che si aprono su di esso. La copertura piana, oltre a garantire un basso profilo rispetto al contesto agricolo, diventa il piano di appoggio dell'impianto fotovoltaico per soddisfare il fabbisogno energetico della casa.

Per le finiture interne sono stati utilizzati solo materiali di origine naturale, come intonaco di terracotta, legno per i pavimenti, alcune pareti, porte e arredi fissi, e pietra di Vicenza per alcuni manufatti e rivestimento del bagno. "Queste soluzioni garantiscono un aumento del comfort interno, aspetti che influenzano positivamente la qualità della vita di chi abita la casa, favorendo la salubrità dell'aria interna e contribuendo al fabbisogno di risparmio energetico" continua Marco Baldassa.
 

  Scheda progetto: House with a large porch
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici

ULTIME NEWS SU CASE & INTERNI
09.06.2023
Il profilo di una montagna per l’Olympic Spa Hotel
08.06.2023
Tenuta Negroamaro, un’oasi all’insegna della slow life
08.06.2023
La Casa dei Ricordi sul Lago di Como
le altre news

  Scheda progetto:
Marco Baldassa

House with a large porch

 NEWS CONCORSI
+08.06.2023
Premio Speciale Architettura solare in contesti di pregio
+07.06.2023
Al via la XXII edizione dei Premi Ceramica ASCER
+05.06.2023
L'Italia è un desiderio: open call sul paesaggio contemporaneo
+01.06.2023
Strategia Fotografia 2023, tempo fino al 26 giugno per partecipare al contest
+01.06.2023
Premi IN/ARCHITETTURA 2023: ultimo weekend per candidarsi
tutte le news concorsi +

Design Center 2023
Design Center 2023
Antisismika
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Contatti/Assistenza | Lavora con noi | Pubblicit |  Rss feed
2001-2023 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 niscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 Riproduzione riservata