SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Olimpia

Snøhetta firma la Nuova Opera House Düsseldorf
Due iconiche torri “danzanti” e un generoso giardino pensile pubblico per il nuovo epicentro culturale
Autore: cecilia di marzo
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
05/10/2021 - Sarà situato nel cuore di Düsseldorf il nuovo Teatro dell'Opera che CENTRUM GROUP ha commissionato allo studio Snøhetta. Soprannominato Duett Düsseldorf, il nuovo teatro dell'opera crea chiari collegamenti con il vicino parco Hofgarten, il fiume Reno e la famosa via Königsallee, con l'obiettivo di creare uno spazio accessibile al pubblico che riunisca le persone. Con un teatro dell'opera all'avanguardia, un hotel, ristoranti e caffè, spazi per uffici e unità residenziali, il progetto mira a creare un “epicentro culturale” condiviso per gli abitanti di Düsseldorf.
 
Il nuovo teatro dell'opera sostituirà quello esistente su Heinrich-Heine-Allee 16A, in quanto non più adatto ad una struttura di livello internazionale. La proposta suggerisce, quindi, un'espansione di 1.350 metri quadrati a nord per il palco laterale e una di 1.455 metri quadrati a est per un foyer più ampio. Al fine di ridurre al minimo l'ingombro nel parco Hofgarten, le funzioni al piano terra sono limitate e sono state collocate più in alto da potersi svogere ai piani superiori.
 
Un "caldo" benvenuto
Partendo dal lussureggiante e storico parco Hofgarten, il design del paesaggio che circonda il teatro dell'opera è sviluppato con particolare attenzione al flusso di persone attraverso una foresta urbana che conduce al foyer del Teatro dell'Opera. Il paesaggio curvo riorganizza i sistemi stradali e rafforza il collegamento a Königsallee attraverso un nuovo ponte a sud e un collegamento a ovest.

Avvicinandosi al foyer e all'ingresso principale dal parco, i confini tra interno ed esterno sono "sfumati", unendo idealmente il foyer e il parco. Camminando su un tappeto di pietra granitica si giunge a una facciata in vetro trasparente, alta 16 metri, che svela una parete scultorea in legno all'interno del foyer.
Con balconi sporgenti che si estendono dal nucleo circolare, la parete di forma organica crea un fenomeno spaziale che passa da una parete verticale a un "cielo" orizzontale.
Entrando nel Teatro dal parco, attraverso il guscio di vetro trasparente, l'incontro con l'anima in legno crea un'accoglienza intima, calda e confortevole.
 
Ampie scale e rampe conducono dal foyer fino a un caffè al quarto piano dell'edificio, il primo dei tre piani in un volume a sbalzo orizzontale che completa il foyer e il palco principale sottostante.
Dalla parte nord-occidentale di questo livello orizzontale, i visitatori possono avere un primo assaggio dei magnifici panorami della zona circostante.
Dal caffè, i visitatori possono vedere negli spazi per le prove dell'opera, incluse le sale prove del coro e dell'orchestra. L'ampia sala prove del balletto sul lato est del volume orizzontale si estende su due piani, garantendo buone condizioni di luce e un grande senso dello spazio, oltre a dare un senso di sicurezza e privacy. Quando possibile, gli spazi di prova possono essere aperti al pubblico per le esibizioni.
 
Sulla sommità del volume orizzontale, un tetto panoramico accessibile al pubblico offre viste mozzafiato sulla città e sul parco. Direttamente accessibile dal foyer con una scala mobile, il paesaggio del tetto pubblico, di 6.000 metri quadrati, appare come un cortile verde con una vista a 360°. Progettato per essere flessibile e multifunzionale, il roofscape è ideale per eventi culturali, spettacoli e altre attività. Altre funzioni commerciali come ristoranti e caffè sono collegate ai tre livelli sottostanti, creando un polo di attrazione pubblico in città.
 
Un iconico duetto danzante a forma di V
Dai livelli orizzontali, un'inconfondibile silhouette a forma di V si protende verso il cielo. L'ensemble di torri cambia la sua forma da ogni nuova prospettiva, creando un'espressione in costante cambiamento che ricorda un duetto danzante. Le torri sono progettate strategicamente per ridurre l'ombreggiamento delle aree circostanti del parco e del quartiere, creando anche migliori condizioni di luce diurna nel cortile.
Le torri sono progettate principalmente per ospitare l'hotel, le aree residenziali e gli uffici.

  Scheda progetto: Duett Düsseldorf
Plomp
Vedi Scheda Progetto
MIR
Vedi Scheda Progetto
MIR
Vedi Scheda Progetto
MIR
Vedi Scheda Progetto
Centrum/Snøhetta/Boomtown
Vedi Scheda Progetto
Centrum/Snøhetta/Boomtown
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.
Commenti per questa notizia
francesco santalucia
senza le torri che senso aveva?

ULTIME NEWS SU ARCHITETTURA E DESIGN
26.11.2021
La Pista500: il nuovo giardino pensile sulla pista del Lingotto
26.11.2021
Nuova veste per gli uffici di QBE Europe a Milano
25.11.2021
Il volto dei nuovi uffici KPMG a Roma
le altre news


EVENTI SU ARCHITETTURA E DESIGN
01/12/2021 - centro saint-bénin, aosta
Architetture contemporanee sulle Alpi occidentali italiane

06/12/2021 - online
Conservare il vuoto

19/12/2021 - online
#dieciXdieci
Documentario
gli altri eventi
  Scheda progetto:
Snøhetta

Duett Düsseldorf

 NEWS CONCORSI
+26.11.2021
Cosentino presenta la 16a edizione della Cosentino Design Challenge
+26.11.2021
In scadenza il concorso 'Hangar Ticinum'
+25.11.2021
Esperimenti Architettonici lancia Abitare Circolare
+24.11.2021
'Milan Navigli Canal Challenge'
+23.11.2021
Livorno: concorso per il restauro urbano di via Grande
tutte le news concorsi +

Spatium PRO
Design Center
Barrisol Clim
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicit |  Rss feed
2001-2021 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 niscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 Riproduzione riservata