Dental Art

Agena

Formani

Ubikubi

Take me Home


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Pivato

Recupero di Villa Torlonia
Il suggestivo complesso monumentale rinasce come come catalizzatore di cultura e spettacolo
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
06/08/2019 - La Villa Torlonia di san Mauro Pascoli (FC), per il suo valore architettonico e di memoria storica del paesaggio rurale, rappresenta uno dei beni culturali più importanti del territorio del Rubicone. Definita dal codice dei beni culturali come “complesso monumentale”, la sua pluralità di fabbricati edificati anche in epoche diverse ha acquisito, come insieme, un’autonoma rilevanza artistica, storica ed etno-antropologica.

Se un tempo Villa Torlonia era una perfetta fabbrica rurale, con depositi, stanze per la produzione, ambienti di lavoro e residenza, la storia di oggi ne ha sancito l’inevitabile declino funzionale trasformando il compendio in una suggestiva macchina per eventi culturali. La riorganizzazione funzionale degli ambienti, l’adeguamento agli standard di sicurezza della normativa vigente, la conservazione delle caratteristiche costruttive, materiali e spaziali sono le principali esigenze a cui il progetto di restauro cerca di dare risposta attraverso soluzioni reversibili, ispirate al criterio del minimo intervento e della distinguibilità delle nuove aggiunte rispetto alla preesistenza.

Il primo obiettivo da soddisfare è la rifunzionalizzazione degli spazi legati al progetto culturale Parco Poesia Pascoli.
Per rispondere a tali esigenze si ricerca una soluzione distributiva chiara, razionale, capace di esaltare le qualità spaziali dell’edificio storico. Vengono introdotti due accessi distinti, l’uno dalla corte interna, accesso odierno per le cantine e la Sala delle Tinaie, l’altro dall’ingresso originario alla Sala delle Tinaie, fino ad oggi inutilizzato, prospiciente la Chiesa dei ss. Pietro e Paolo. L’accesso dalla corte potenzia le funzioni di accoglienza e orientamento della villa attraverso nuove zone a disposizione del pubblico con biglietteria, bookshop, spazi di accoglienza e servizi igienici. 

La sala di ingresso alle cantine, caratterizzata da un solaio con volte a crociera su pilastri in muratura, sarà utilizzata per allestimenti minimali e priva di particolari impianti tecnologici mentre la lunga sala adiacente, posta sotto la Sala delle Tinaie, sarà sede del nuovo “Museo Pascoliano Multimediale”. In corrispondenza del nuovo ingresso alla Sala delle Tinaie, riallestita per mostre temporanee, una torre metallica a base rettangolare, comprendente corpo scala e ascensore, collega tutti i piani dell’edificio. La struttura realizzata interamente in acciaio si distacca dalle pareti originarie ricadendo in uno spazio libero da elementi strutturali. Al piano primo vengono riaperti al pubblico spazi da anni inaccessibili, come l’ex sala delle Tabacchine dove verrà ospitato il foyer di accesso al teatro. Da esso due porte, l’una esistente e l’altra aperta a forza, portano alla sala del Teatro di circa 200 posti. Nei locali adiacenti, la sala attori e l’allestimento del Laboratorio delle Associazioni riorganizzato con spogliatoi e servizi.

Dopo aver dato un nuovo uso agli antichi spazi, il recupero passa dalla conservazione degli ambienti
Internamente ed esternamente si è scelto di mantenere lo stato attuale dell'involucro procedendo alla sola sostituzione degli infissi in legno delle sale espositive con infissi in ferro, che richiamano il carattere “industriale” della porzione di Villa restaurata. Tutte le sale sono state lasciate prive di intonaco allo scopo di mettere in luce la diversa tessitura delle murature in mattoni a testimonianza delle sovrapposizioni, delle tracce storiche delle differenti fasi costruttive. Alle incrostazioni, ai brandelli di intonaco, alle travi arrugginite si sovrappongono canali microforati in acciaio zincato, proiettori neri, corpi elettrici lasciati a vista, componenti tecnologiche indispensabili per insediare la nuova funzione pubblica.

Ad ogni spazio inoltre viene garantita accessibilità, superando le numerose barriere e dislivelli sorti a seguito dei molteplici ampliamenti del compendio, attraverso tre diversi sistemi di collegamento: scale, rampe, ascensore che mettono in relazione stanze e livelli della Villa che da troppo tempo necessitavano di dialogare. I corpi di collegamento verticale sono tutti sono manufatti in acciaio acidato, accurati nel disegno e nella fattura artigianale, hanno forme geometriche pure e si distinguono nettamente dal contesto per non risultare dopo breve tempo obsoleti dal punto di vista estetico. Le nuove forme pure, contemporanee, e i materiali impiegati come il vetro, il cemento, l’acciaio acidato, le pareti di cartongesso lisce e prive di imperfezioni sono pensate per entrare in relazione con le superfici incrostate e corrose dal tempo degli antichi paramenti murari cercando di non alterare la percezione della qualità spaziale dell’edificio storico.

  Scheda progetto: Recupero di Villa Torlonia
Daniele Lisi photographer and visual artist
Vedi Scheda Progetto
Daniele Lisi photographer and visual artist
Vedi Scheda Progetto
Daniele Lisi photographer and visual artist
Vedi Scheda Progetto
Daniele Lisi photographer and visual artist
Vedi Scheda Progetto
Daniele Lisi photographer and visual artist
Vedi Scheda Progetto
Daniele Lisi photographer and visual artist
Vedi Scheda Progetto
Daniele Lisi photographer and visual artist
Vedi Scheda Progetto
Daniele Lisi photographer and visual artist
Vedi Scheda Progetto
Daniele Lisi photographer and visual artist
Vedi Scheda Progetto
Daniele Lisi photographer and visual artist
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.

ULTIME NEWS SU ARCHITETTURA E DESIGN
11.12.2019
Riyadh: il padiglione Gharfa di Edoardo Tresoldi
10.12.2019
Frank Gehry e Peter Marino per Maison Louis Vuitton
09.12.2019
Il MET Building di Mario Cucinella Architects a Tirana
� le altre news


EVENTI SU ARCHITETTURA E DESIGN
14/12/2019 - temporary gallery, via orfeo 4, bologna
Oltre i confini

18/12/2019 - salone degli incanti riva nazario sauro, 1 34123 trieste
Escher
Mostra dedicata all'artista olandese Maurits Cornelis Escher
13/01/2020 - mostra d’oltremare, napoli
tuttohotel | fiera e mostra espositiva per hotel, b&b e strutture ricettive

� gli altri eventi
  Scheda progetto:
Locarc

Recupero di Villa Torlonia

 NEWS CONCORSI
+11.12.2019
Idee per il disegno del nuovo paesaggio di Bagnoli
+10.12.2019
In chiusura 'Poems of a Modern Day Architect'
+09.12.2019
Una vetrina tutta per sé. Lo spazio dello stupore
+06.12.2019
Il concorso di progettazione Pirelli 39
+05.12.2019
Restauro della Chiesa S.Maria della Valle a Messina
tutte le news concorsi +

Salice
ADA 2019
KNAUF MP 75 L FIRE
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2001-2019 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati