SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS


Visual Display per il ristorante più antico di Udine
Restaurare un immobile storico. Progettarne l’esperienza.
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  

26/06/2019 - Il ristorante Vitello d’Oro, il più antico della città di Udine (dal 1849), ubicato nel pieno centro storico adiacente al vecchio mercato del pesce e attraversato dalla vecchia cinta muraria della città.
Una cucina di altissimo livello, riconosciuta in tutta la regione e oltre.
La volontà dei proprietari, quella di indossare un “abito” che meglio rappresenti la qualità del servizio e di una cucina, una tradizione ma sempre più orientata all’innovazione: «Sono due anni che pensiamo di rinnovare gli interni – raccontano i fratelli Massimiliano e Gianluca Sabinot, rispettivamente chef e maitre. Siamo un punto di riferimento della ristorazione in città e non solo, la nostra clientela è cosmopolita ed esigente, abituata a girare i migliori ristoranti del mondo: per questo vogliamo essere più contemporanei, puntare alla massima qualità non solo nel menù, ma anche nell’ambiente in cui accogliamo le persone». 

Da questi presupposti ha inizio lo studio e il progetto di Visual Display, con un’idea molto precisa in mente: la sfida di creare all’interno del locale un’atmosfera accogliente e glamour allo stesso tempo, contemporanea, ma nel rispetto della storia e dei tratti caratteristici del luogo. Un ambiente che potesse connettersi anche con una clientela nuova, più dinamica e internazionale, e con le nuove generazioni; ma senza deludere le aspettative e l’affezione dei clienti “storici” che lo frequentano da sempre.

Prima degli aspetti stilistici e poi tecnici – racconta Giorgio Di Bernardo, CEO di Visual Display – il progetto è iniziato analizzando con il cliente le dinamiche, i flussi e le esigenze della vita del ristorante, quali le gestualità che negli anni sono diventate riti e sicurezze sia per chi vi lavora che per gli ospiti. La progettazione è dunque iniziata dall’esperienza, lavorando con attenzione sulle funzioni a 360° al fine di garantire allo stesso tempo la qualità del lavoro, del servizio e del tempo. Indagando e creando opportunità nuove, evolvendo e migliorando le preesistenti. Immaginare la vita del ristorante e fissarla come progetto e obiettivo prima dello stile, questo è progettare l’esperienza.”


  Scheda progetto: Vitello d'Oro
Alessandro Paderni /Studio Eye
Vedi Scheda Progetto
Alessandro Paderni /Studio Eye
Vedi Scheda Progetto
Alessandro Paderni /Studio Eye
Vedi Scheda Progetto
Alessandro Paderni /Studio Eye
Vedi Scheda Progetto
Alessandro Paderni /Studio Eye
Vedi Scheda Progetto
Alessandro Paderni /Studio Eye
Vedi Scheda Progetto
Alessandro Paderni /Studio Eye
Vedi Scheda Progetto
Alessandro Paderni /Studio Eye
Vedi Scheda Progetto
Alessandro Paderni /Studio Eye
Vedi Scheda Progetto
Alessandro Paderni /Studio Eye
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici

ULTIME NEWS SU CASE & INTERNI
01.06.2023
Nel cuore di Milano, la villa di Barreca & La Varra
26.05.2023
Milano, Studio Atomaa trasforma 150 mq in un edificio anni 60
25.05.2023
Dentro la Bubble House, come in un film di fantascienza anni Sessanta
le altre news

  Scheda progetto:
VISUAL DISPLAY - Interior / Identity / Stories

Vitello d'Oro

 NEWS CONCORSI
+01.06.2023
Strategia Fotografia 2023, tempo fino al 26 giugno per partecipare al contest
+01.06.2023
Premi IN/ARCHITETTURA 2023: ultimo weekend per candidarsi
+29.05.2023
#Scaladigrigi. Cattura la bellezza del cemento intorno a te
+29.05.2023
TerraViva Competitions lancia il concorso Hybrid Coworking
+24.05.2023
Emilgroup lancia i Project Awards 2023
tutte le news concorsi +

Design Center 2023
Design Center 2023
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Contatti/Assistenza | Lavora con noi | Pubblicit |  Rss feed
2001-2023 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 niscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati
Iscritta presso il Tribunale di Bari, Num.R.G. 1864/2020 Riproduzione riservata