Antrax

Cordivari

Portoni Frost

Urmet

FLOORTEC


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

HI-MACS

Lux Formae. Fendi illumina Roma
Laszlo Bordos trasforma il Colosseo Quadrato in un'opera interattiva di mapping architettonico
Autore: rossana vinci
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
© FENDI
08/11/2018 - Un medium d’avanguardia, un artista di fama internazionale e una location unica e densa di significati.
Lo scorso sabato 27 ottobre geometrie di luce accompagnate da una colonna sonora incalzante e suggestiva, hanno illuminato la facciata del Palazzo della Civiltà Italiana all'Eur, conosciuto anche come Colosseo Quadrato e sede della maison Romana del lusso FENDI. 
Il progetto di mapping architettonico è più imponente mai realizzato in Italia: Lux Formae di Laslzo Bordos, sostenuto da FENDI e prodotto da Solid Light per Videocittà.
 
Laslzo Bordos, artista ungherese di fama internazionale, considerato uno dei pionieri delle arti digitali e del mapping architettonico, dopo aver curato più di 50 progetti in oltre 22 paesi, arriva per la prima volta a Roma, identificando nel Palazzo della Civiltà Italiana la location ideale per la sua performance. Così per una notte, l’imponente edificio si è trasformato nella tavolozza dell’artista che, usando le proiezioni intese proprio come un pennello hi-tech, 4,0, l’ha portato a nuova vita, rivelandone gli aspetti inediti.
 
Un’iniziativa che, grazie a Videocittà, presente il giorno successivo anche all’Anfiteatro Flavio, crea un legame unico tra la Roma antica e quella contemporanea, attraverso l’accostamento simbolico dei due edifici. Perché Roma è una, ma con un’anima sfaccettata, in cui antico e moderno hanno dimostrato di saper e poter dialogare. E l’arte contemporanea, in particolare il “3d Mapping rappresenta una nuova forma d’arte”, sostiene l’artista. “Gli artisti contemporanei possono proiettare le loro idee e la loro visione sulle facciate tridimensionali dei palazzi. Le idee hanno bisogno di ispirazione e la miglior ispirazione proviene dalle architetture stesse! Sono entusiasta di poter lavorare al Palazzo della Civiltà Italiana, che considero tra le architetture più affascinanti del mondo. Si tratta di un luogo metafisico e il lavoro che ho intenzione di realizzare cercherà di amplificare questa dimensione spirituale dell’edificio, giocando con il concetto di infinito. Voglio raggiungere l’illusione che la luce, intoccabile, eterea, immateriale, sostenga la materia del pesante edificio.”
 
Un’opera site specific che, nel suo essere effimera, evanescente e monumentale, disegna un’epica del futuro destinata a durare molto più dell’arco temporale in cui si svolge, per imprimersi nell’eternità di Roma.
 
Infine, Lux Formae assume un ulteriore significato in relazione all’Eur, area in cui si colloca, perché passando il testimone all’evento al Palazzo dei Congressi, costruisce con la luce, in maniera metaforica, quell’arco che avrebbe dovuto inaugurare il quartiere nel 1942, dando allo stesso un valore totalmente nuovo.


© FENDI


© FENDI


© FENDI


© FENDI


© FENDI


© FENDI


© FENDI


© FENDI


© FENDI

Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

Non hai un account Facebook?Clicca qui Utilizza il mio account Facebook
© FENDI
© FENDI
© FENDI
© FENDI
© FENDI
© FENDI
© FENDI
© FENDI
© FENDI
1
2
3
 NEWS CONCORSI
+16.11.2018
Bologna, nuovo complesso scolastico Carracci
+15.11.2018
Verso la chiusura il Premio Arte Laguna Prize
+14.11.2018
Next Landmark Pollution 2019
+13.11.2018
Romeo and Juliet Wine Label
+12.11.2018
Premio Architettura Toscana
tutte le news concorsi +

Caccaro
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2001-2018 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati