SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Folia

Il Giappone alla 11ª Biennale di Venezia
Extreme nature: Landscape of Ambiguous Spaces
Autore: roberta dragone
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
© redazione archiportale id=

30/09/2008 – Sono un architetto “scapigliato” e un professore emerito dell’Università di Tokio a rappresentare quest’anno il Giappone alla 11ª Biennale di Venezia.

Il primo, Junya Ishigami, ha lavorato per lo studio SANAA, ed è ben noto per i suoi avanguardistici progetti-installazione, al confine tra arte e architettura. Il secondo, Hideaki Ohba, è nato a Tokyo nel 1943, ed ha condotto ricerche in area botanica praticamente in tutto il mondo, dall’Himalaya al Deserto del Sahara.

Il lavoro coordinato dei due ha messo in luce alcune delle attuali tendenze speculative nell’architettura d’avanguardia giapponese. Anzitutto Ishigami ha scelto di ricorrere ad un “metodo alternativo” per presentare i suoi progetti. Bypassando le modalità espositive più tradizionali, dove i progetti vengono riprodotti attraverso modelli, immagini e disegni, l’architetto ha presentato i suoi lavori in scala 1:1. 

Si tratta di piccole serre dalle pareti in vetro che circondano tutto il padiglione Giappone. La scelta di un volume di tal fatta non è una casualità: in omaggio al Crystal Palace, prima sede dell’Esposizione Internazionale, ed alla portata rivoluzionaria dei lavori che in esso erano esposti, Ishigami ha scelto di progettare delle serre in vetro. “Per pensare all’architettura del futuro è necessario guardare indietro”, ha asserito l’architetto.

Il lavoro di Ishigami è decisamente metafisico e rimarca la necessità di superare il tradizionale modo d’intendere come sinonimi, o quasi, i concetti di “costruzione” ed “architettura”. Il progettista gioca sull’idea di pieno e vuoto, interno ed esterno, interiore ed esteriore, reale ed apparente e su quanto possano essere labili i confini tra gli opposti.

Per fare questo, il progettista ha stabilito delle particolari condizioni. Anzitutto nel padiglione non ci sono barriere fisiche o sbalzi climatici che possano in qualche modo differenziare l’interno dall’esterno della mostra, evitando così che le sale vengano immediatamente percepite come “ambiente artificiale”.

La precarietà del confine “dentro-fuori”genera un’ambigua miscela di elementi ambientali, ulteriormente amplificata dalla varietà di vita vegetale presente nelle serre, accuratamente selezionata da Hideaki Ohba, che differisce da quella già presente attorno al padiglione e che, proprio per questo, genera un leggero disturbo nella percezione del paesaggio del parco.

Il risultato finale è che, paradossalmente, lo spazio interno alle serre, con il loro volume trasparente, come “pieno d’aria”, è avvertito dal visitatore a mò di spazio esterno, al contempo lo spazio esterno appare come “paesaggio interiore”, mentre l'interno del Padiglione, quasi vuoto, mette a nudo la struttura originaria dell’area espositiva.

Uno spazio doppio, ibrido, emozionale ed ossimorico, dove gli opposti coesistono. Questi i presupposti dell’architettura del futuro secondo il Giappone alla Biennale 2008.
 


  Scheda evento:
Mostra:
14/09-24/11 VENEZIA
Extreme nature: Landscape of Ambiguous Spaces



© redazione archiportale


© redazione archiportale


© redazione archiportale


© redazione archiportale


© redazione archiportale


© redazione archiportale


© redazione archiportale


© redazione archiportale

Consiglia questa notizia ai tuoi amici
  News sull'argomento
18/09/2008
Biennale: il Padiglione italiano descrive la ‘casa possibile’
12 architetti esplorano il senso dell’abitare

18/09/2008
I vincitori del premio GAU:DI alla Biennale 2008
Studenti al lavoro sul tema dell'Eco-sostenibilità

17/09/2008
Polonia Leone d'Oro Migliore Partecipazione Nazionale
Alla Biennale 'Hotel Polonia. The afterlife of building'

16/09/2008
Biennale Venezia: architettura come immaginazione
Installazioni che celebrano l’incontro tra visione e realtà

15/09/2008
Biennale Venezia: premiati i vincitori di Everyville 2008
Comunità oltre il Luogo, Senso Civico oltre l’Architettura

12/09/2008
Prototyping the Future: Three Houses for the Subconscious
L'installazione di Asymptote alla Biennale di Venezia

11/09/2008
L’Italia Cerca Casa/Housing Italy
Il Padiglione italiano alla Biennale di Venezia

10/09/2008
Soluzioni possibili alla crisi dell’edilizia abitativa britannica
Il Padiglione Gran Bretagna alla Biennale Venezia


Inserisci un commento alla News

I vostri commenti sono preziosi. Condivideteli se pensate possano essere utili per tutti i lettori. Le vostre opinioni e le vostre osservazioni contribuiranno a rendere questa news pi� precisa e completa.

ULTIME NEWS SU BIENNALE 2008
28.10.2008
I Paesi Nordici alla 11ª Biennale di Venezia
24.10.2008
L’Olanda alla 11ª Biennale di Venezia
23.10.2008
''Fabrica Cultura" alla Biennale di Venezia
� le altre news

© redazione archiportale
© redazione archiportale
© redazione archiportale
© redazione archiportale
© redazione archiportale
© redazione archiportale
© redazione archiportale
© redazione archiportale
1
2
3
  Scheda evento:
14/09-24/11 VENEZIA
Extreme nature: Landscape of Ambiguous Spaces

 NEWS CONCORSI
+17.01.2020
Centro gestione delle emergenze in Africa
+16.01.2020
Sei progetti per la Calabria
+15.01.2020
Prorogata l'iscrizione al concorso Sky Farm
+14.01.2020
In chiusura il concorso Bauhaus Residency 2020
+13.01.2020
Food Service Design
tutte le news concorsi +

Winter sales
ADA 2019
Messe Frankfurt
Condizioni generali | Informativa PrivacyCookie  | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2001-2020 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 n°iscrizione ROC 21492 - Tutti i diritti riservati