Data : 24/12/2018
Matita&Compasso
home + architetture + case & interni + concorsi + eventi + progetti + progettisti + blog + prodotti +
Urbantime
MATITA&COMPASSO
il blog di Andrea Maresca


venerdì 21 dicembre 2018

Termostato, sempre più un elemento di interior design

Nella cura dell’Interior Design anche i più piccoli dettagli possono fare la differenza, di questo sono ben consapevoli i progettisti e i professionisti del settore, ma anche i semplici consumatori prestano un’attenzione sempre maggiore al particolare.

Alla luce di questo, dunque, non stupisce il fatto che oggi si badi al design anche per quanto riguarda i più semplici elementi tecnologici indispensabili per il comfort degli ambienti interni.

Anche il termostato può essere decorativo

Anche il termostato, tradizionalmente considerato un articolo prettamente “funzionale”, è quindi declinato in delle bellissime varianti  “di design” che possono fornire un contributo tutt’altro che irrilevante all’estetica del contesto.

Il termostato è quel dispositivo che consente di regolare la temperatura degli ambienti in relazione alle proprie esigenze, ed è dunque un elemento fondamentale in qualsiasi contesto interno, dall’abitazione alla camera d'hotel.

Prima di parlare delle principali tendenze di design relative a tali articoli è utile sottolineare che i medesimi possono essere scelti in tante diverse varianti: per scoprire quali sono le più diffuse può essere utile visitare il sito web di un’azienda specializzata in articoli di termoidraulica, come ad esempio www.demshop.it.

Le principali tipologie di termostato

I termostati analogici sono i modelli più classici e prevedono che la temperatura venga regolata tramite un’apposita manopola; semplici da utilizzare e molto economici, sono oramai piuttosto obsoleti.

Sono ben più moderni i termostati digitali, dotati di un apposito display: questi modelli si contraddistinguono in genere per un ottimo rapporto qualità-prezzo e si rivelano molto semplici nel loro utilizzo.

I cronotermostati digitali rientrano tra le proposte relative ai termostati Demshop, e oltre ad essere dei modelli precisi e di notevole avanguardia presentano una caratteristica importantissima, ovvero quella di essere programmabili: disponendo di un cronotermostato è dunque possibile impostare un orario di accensione e di spegnimento, e questa è senz’altro una grande comodità.

Altre importanti tipologie di termostati corrispondono ai termostati wireless, i quali possono essere collegati alla caldaia senza dover adoperare alcun filo elettrico, e ai cronotermostati intelligenti Wi-Fi, i quali vanno appunto connessi alla rete Wi-Fi domestica e possono assolutamente essere parte di un sistema domotico.

I cronotermostati intelligenti Wi-Fi, dunque, non solo sono regolabili come ogni cronotermostato, ma possono essere amministrati anche da remoto utilizzando uno smartphone o un altro tipo di device.

Un’autentica “chicca” tecnologica corrisponde inoltre ai termostati modulanti: questi modelli uniscono alle peculiarità tecnologiche dei cronotermostati digitali la capacità di regolarsi autonomamente rilevando le temperature ambientali, e tale caratteristica è davvero un grosso pregio a livello di efficienza energetica.

Termostati e cronotermostati, come si diceva in precedenza, vengono scelti sempre più spesso in delle bellissime varianti di design, facciamo dunque il punto sui modelli più intriganti a livello visivo.

Termostati di design: il "ruolo" del display

Sicuramente in questi modelli il display recita un ruolo da protagonista: alcuni termostati e cronotermostati sfoggiano dei dispay piuttosto grandi e dai caratteri “huge”, i quali offrono un colpo d’occhio assai avvincente e molto adatto ai contesti moderni.

Alcuni termostati dall'estetica molto curata hanno un display ricco di disegni e di icone, il quale sa rivelarsi molto decorativo, altri invece sono molto più minimalisti e si limitano a proporre la cifra indicante la temperatura.

Rientrano a pieno titolo nella categoria dei termostati di design quelli “effetto vetro”, in cui gli elementi digitali vengono visualizzati in un modo particolarmente sobrio e discreto che non snatura lo stile delle superfici.

Tonalità di colore e altre caratteristiche

Quanto alle tonalità di colore il bianco e il nero sono protagonisti assoluti: nella grande maggioranza dei casi si opta per una tonalità analoga a quella della parete su cui viene installato il termostato, ma non è affatto raro che si opti per dei vivaci contrasti, in commercio peraltro non mancano dei termostati con display colorato, perfetti per donare brio e vivacità agli ambienti.

I termostati analogici trovano decisamente poco spazio tra i modelli di design, essendo piuttosto obsoleti, tuttavia tra le varianti più moderne non mancano dei bei termostati che fondano la regolazione della temperatura sulla presenza di una manopola piuttosto vistosa.

Nella grande maggioranza dei casi, ad ogni modo, i termostati ed i cronotermostati di design fanno sfoggio di linee semplici e decise, di geometrie spigolose o tondeggianti, e il loro aspetto così curato sa effettivamente fornire un contributo davvero notevole all’Interior Design.

 



postato da Andrea Maresca venerdì 21 dicembre 2018 alle ore 15:14    | commenti: 2 | scrivi un commento |





venerdì 7 dicembre 2018

Acque di rubinetto: perché quelle “dure” sono da evitare

Che acqua sgorga dai rubinetti delle nostre case? Chiunque dovrebbe porsi questa domanda, a prescindere dal fatto che l’acqua venga bevuta o meno.

L’acqua che sgorga dai rubinetti delle case italiane è potabile, è utile ricordarlo, ma la grande maggioranza dei cittadini preferisce bere acqua minerale acquistata al supermercato; questa tendenza, con ogni probabilità, tende a far passare in secondo piano la composizione dell’acqua “domestica”, ma in realtà tale aspetto ha comunque un’importanza indiscussa.

Ma per quale motivo si afferma questo?

Acque "dure": perché andrebbero evitate

Anzitutto, va specificato che le acque che possono costituire una “minaccia” sono le cosiddette acque dure, quindi delle acque particolarmente ricche di minerali cristallizzati.

È soprattutto il calcare ad essere considerato un elemento sgradito, e un’acqua ricca questa sostanza, o comunque con caratteristiche tali da poter essere definita “dura”, può comportare molti risvolti negativi.

Sicuramente queste acque non sono la scelta migliore per esser bevute, ma questo, come si diceva, è solo uno degli aspetti da considerare: il calcare tende infatti a depositarsi, e questo può implicare molti effetti indesiderati.

I depositi calcarei nelle tubature e nelle serpentine degli elettrodomestici possono rivelarsi davvero deleteri e, nel lungo periodo, possono causare dei danni davvero molto seri.

Le incrostazioni di calcare possono compromettere anche l’efficacia dei vari dispositivi, si pensi ad esempio a lavatrici e lavastoviglie che, in tantissime occasioni, vedono la loro minacciata la loro originaria efficienza proprio da queste formazioni.

Il calcare si rende spesso protagonista di vere e proprie corrosioni, le quali possono divenire visibili nei punti più disparati: la presenza di calcare sa dunque rivelarsi indesiderata anche sul piano estetico.

Le acque dure non sono affatto una prima scelta neppure per quel che riguarda il contatto diretto con la pelle, oppure per essere utilizzate per risciacquare i capelli dopo lo shampoo.

Perché evitare acque dure significa risparmiare

Riuscire ad eliminare il calcare e altri minerali cristallizzati dall’acqua che sgorga dai rubinetti domestici significa risparmiare, per molti diversi motivi.

Anzitutto, utilizzando acqua con caratteristiche idonee si evita di dover far effettuare di costosi interventi di riparazione ad opera di professionisti, interventi che, peraltro, in numerose occasioni richiedono la sostituzione di uno o più pezzi.

Oltre a questo, l’utilizzo di acqua priva di rilevanti quantità di calcare riduce in modo non irrilevante i consumi, dal momento che i vari elettrodomestici hanno modo di funzionare in maniera regolare, senza dover compiere particolari sforzi energetici.

Anche la manutenzione degli elettrodomestici, in questo modo, viene ridotta in modo importante, e ciò non può che avere effetti positivi sul “portafogli”, inoltre l’impiego di acqua “addolcita” assicura anche un’interessante riduzione dei consumi di detergenti nelle operazioni di pulizia.

Eliminare calcare e altri metalli utilizzando un condizionatore d'acqua

Per rendere più dolce l’acqua che sgorga dai rubinetti di casa, dunque, può essere molto opportuno installare un cosiddetto condizionatore d’acqua, e sulla base di quanto visto fino ad ora, è evidente che una spesa come questa è destinata a rivelarsi un vero e proprio investimento.

In commercio esistono molti diversi dispositivi di questo genere, si pensi a quelli magnetici, elettromagnetici, elettrolitici, oppure a quelli dotati di avvolgimento singolo o doppio e ai cosiddetti addolcitori.

L'efficacia degli addolcitori Hydropath Italia

Degli addolcitori residenziali particolarmente interessanti sono quelli targati Hydropath Italia, scopriamo subito perché.

L’addolcitore acqua di questo marchio, anzitutto, è attivo sia con acqua ferma che con acqua in moto, dunque assicura un’azione di condizionamento dell’acqua attiva 24 ore su 24.

Si tratta di un dispositivo semplicissimo da installare, per il quale non è necessario eseguire alcuna modifica all’impianto, anche sul piano della manutenzione è un articolo dall’utilizzo più che agevole.

A differenza di molti altri addolcitori, il modello in questione è adatto all’uso umano, offre un effetto germicida, inoltre non richiede l’impiego di alcun prodotto chimico, dunque è da considerarsi una scelta ottima anche nell’ottica del rispetto dell’ambiente.



postato da Andrea Maresca venerdì 7 dicembre 2018 alle ore 22:37    | commenti: 1 | scrivi un commento |



« Mese di gennaio

CHI SONO
Andrea Maresca

vai alla mia
scheda progettista

ULTIMI COMMENTI IN QUESTO BLOG
Barbara - 31/01/2019 19:06:00
... Buongiorno. Mi chiamo Barbara, ho beneficiato di un prestito di 18.000 € ...


credito.locali - 20/01/2019 23:20:00
Ciao signora / signore Sono qui per presentarvi la mia offerta di prestito molto interessante che v...



<< febbraio 2019
dom
lun
mar
mer
gio
ven
sab
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28    

ARCHIVIO
» gennaio 2019
» dicembre 2018
» novembre 2018
Hoppe
Blog by Archiportale.com