Mixonomi

Nikolatesla

Caccaro


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Pianca

Sperimentazione, tecnologia e leggerezza. Alias a Colonia
Un loft concettuale di 140 mq accoglie le ultime collezioni
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
11/01/2018 - Una struttura autoportante, modulare, leggera e completamente smontabile raccoglie il mondo Alias e ne racconta lo spirito. Il brand di design made in Italy, infatti, ha costruito la propria storia nell’equilibrio perfetto fra sperimentazione tecnologica e stile, fra ricerca architettonica applicata agli elementi d’arredo e soluzioni estetiche, coerenti con le tendenze dell’abitare contemporaneo. 

A Imm 2018, la fiera internazionale del design in scena a Colonia, dal 15 al 21 gennaio, Alias ripropone il progetto dello stand espositivo firmato dagli architetti Renato Stauffacher e Andrea Sanguineti, brand manager dell’azienda. Un elemento strutturale che accompagna Alias in ogni manifestazione fieristica e, ogni volta, viene riadattato allo spazio grazie a un concept componibile ed ecosostenibile, che supera il concetto dello stand usa e getta. 

Un luogo temporaneo, progettato come se fosse un prodotto di collezione, che riflette la vocazione tecnologica di Alias: un’architettura realizzata con soluzioni d’avanguardia che, facendosi portavoce di un messaggio etico, rientra nelle strategie di comunicazione dell’azienda. Così, Alias condivide in maniera concreta con gli appassionati del brand e i professionisti dell’interior design i suoi valori più profondi.  

Realizzato da TensoForma, l’impianto reticolare unisce solidità strutturale e leggerezza visiva, diventando un supporto su cui inserire, di volta in volta, sistemi di illuminazione, dettagli d’arredo e pannelli che dividono gli spazi o li chiudono a seconda delle esigenze. In occasione di Imm 2018, per esempio, Alias ha puntato su elementi traslucidi che, a seconda dei punti di vista, appaiono trasparenti o completamente opachi. L’estetica dello stand è affidata così all’essenza dei materiali che lo definiscono e alla modalità con cui vengono accostati fra di loro.

In uno schema compositivo flessibile va in scena l’esperienza dell’abitare di Alias. Un loft concettuale di 140 metri quadrati accoglie le collezioni dell’azienda offrendo una fruibilità reale di ogni pezzo, in un percorso libero che consente ai visitatori di soddisfare personali esigenza e curiosità. I progetti, firmati dai designer più acclamati del panorama internazionale trovano spazio anche in una serie di scaffalature, presentate come una vera e propria libreria di prodotti. 

Lo styling dell’allestimento è essenziale e suggerisce attraverso alcuni elementi astratti l’esperienza cromatica e materica del brand, che va ad arricchire la narrazione dei prodotti, senza necessariamente dover proporre uno spazio domestico reale. Il layout espositivo racconta il percorso di ricerca e sperimentazione che ha caratterizzato negli anni Alias, portando allo sviluppo delle molte collezioni che rivelano l’incontro fra innovazione, tecnologia e leggerezza.
 
Lo spazio di Alias invita all’esplorazione e alla sperimentazione: una grande area living vede protagonisti il divano okome contract di Nendo, proposto anche nella versione più raccolta, la poltrona twelve di PearsonLloyd e il tavolo zero di Ron Gilad. Di fronte, le sedute eleven high back di PearsonLloyd e gran kobi di Patrick Norguet. E ancora, il tavolo hiwood di Gabriele e Oscar Buratti, presentato con le sedute twig, nella variante comfort, e la meetingframe 52 di Alberto Meda nella versione soft.
 
Protagonista della zona notte è okome bed, il nuovo letto disegnato da Nendo che riprende le forme morbide della collezione e rende omaggio alla perfezione dei ciottoli levigati dall’acqua. Attraverso le due novità firmate dallo studio Nendo, Alias entra concretamente nell’ambito soft seating, dimostrando di saper rispondere in maniera sempre più efficace alle richieste del contract e del domestico. Un’area più intima è dedicata all’home office con il tavolo frametable che si presenta con il piano in marmo; la seduta slim conference, la poltrona e il pouf della collezione di PearsonLloyd completano lo spazio. Infine, le librerie a soffitto aline di Dante Bonuccelli suddividono gli ambienti dello stand.

Alias su ARCHIPRODUCTS

















Consiglia questa notizia ai tuoi amici
  News sull'argomento
03/01/2018
Legno massello sottile come un foglio
hiwood, il tavolo Alias firmato Gabriele & Oscar Buratti

17/08/2017
Alberto Meda + Alias. Purezza formale
La famiglia di sedute frame soft per indoor e outdoor

24/07/2017
Alias per il 'Fiore di Pietra' di Mario Botta
La nuova struttura affacciata a 360 gradi sul Monte Generoso

30/06/2017
Tavolo Zero by Ron Gilad
Il confine fra l'astratto e il funzionale

14/06/2017
'Un piano di supporto e un contenitore nel quale sembra liquefarsi'
flow bowl, il progetto Alias firmato Nendo

22/05/2017
Alias al Design District 2017
A Rotterdam dal 7 al 9 Giugno

09/05/2017
Alias + Fujimoto, Nendo, Gilad, Buratti
Tavoli, librerie e contenitori fra l'astratto e il funzionale

03/02/2017
Linee leggere, profili sottili, morbide imbottiture
Slim, la collezione di sedute da ufficio Alias firmata PearsonLloyd


Inserisci un commento alla News

Non hai un account Facebook?Clicca qui Utilizza il mio account Facebook
1
2
3
ALIAS

HIWOOD TABLE - 053
MEETINGFRAME 52 SOFT - 483
OKOME O07
TWELVE 1 - 880
TAVOLO ZERO CABLE - Z05
GRAN KOBI - 035
ELEVEN HIGH BACK - 865
TWIG 1 - 10A

ALIAS

 
+18.01.2018
La palette cromatica della collezione Flexform MOOD
+18.01.2018
Il design può migliorare la vita negli spazi?
+18.01.2018
GOOD DESIGN™ Award 2017 per Zucchetti
+18.01.2018
'Massima linearità nel minimo spazio'
+18.01.2018
Dornbracht per la nautica
tutte le news concorsi +

ADA 2017
Pianca
Condizioni generali | Informativa Privacy | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2005-2018 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 - Tutti i diritti riservati