SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Avento

Menzione di romArchitettura6 per l'HQ di Italiana Costruzioni
La luce naturale come primaria forma di restauro nel progetto di Westway Architects
Autore: cecilia di marzo
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  

25/08/2017 - Il progetto della nuova sede di Italiana Costruzioni a Roma di Westway Architects ha ricevuto, lo scorso 14 luglio, una menzione speciale nella categoria "Restauro e Riqualificazione Architettonica" del Premio romArchitettura6.
Istituito 30 anni fa per la valorizzazione dell'architettura contemporanea nel Lazio, alla sua sesta edizione, il premio, è promosso dall’IN/ARCH Lazio, dall’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Roma e provincia – OARPPC e dall’Associazione Costruttori Edili di Roma e provincia – ANCE Roma-ACER.

La menzione, assegnata ai 3 soggetti coinvolti nell'opera (i progettisti, l'impresa costruttrice e il committente), premia un esemplare intervento di restauro e di riqualificazione architettonica di un manufatto esistente; di fatto, un villino dei primi del ‘900, in Via dei Villini, nello storico quartiere Nomentano, è stato trasformato in un edificio contemporaneo di carattere, sede di un'importante società di costruzioni, che accoglie e svela la storia passata trasportandola nel linguaggio dell’architettura contemporanea.

L'intervento degli architetti Luca Aureggi e Maurizio Condoluci, svolto in collaborazione con la Soprintendenza Archeologica, ha assorbito e assecondato, nella sua spazialità, i tracciati storici ritrovati con l’intento di preservare, integro, il cuore della domus romana, ritrovata durante gli scavi.

Il manufatto storico e archeologico è stato valorizzato, reso visibile ed integrato nel progetto con l’aiuto di varie tecnologie: l’illuminotecnica, che esalta i colori storici; le porzioni di pavimento vetrato, che lasciano intravedere le antiche fondazioni della domus; il lucernario, con le travi in vetro, che illumina il compluvium. Tutto è stato pensato mettendo in relazione il visitatore e i reperti storici, in una sorta di viaggio nel tempo.

Elemento chiave del progetto è la luce: gli architetti usano la luminosità naturale come primaria forma di restauro e progettano con essa tutti gli spazi interni. La luce penetra in profondità all’interno dell’edificio e di notte, la fluidità della percezione creata è resa ancor più evidente con l’uso della luce artificiale.








Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

Non hai un account Facebook?Clicca qui Utilizza il mio account Facebook

ULTIME NEWS SU ARCHITETTURA E DESIGN
22.09.2017
Cina: in cantiere la Città Foresta firmata Stefano Boeri Architetti
21.09.2017
TAMassociati: la nuova ‘Casa Emergency’ a Milano
20.09.2017
Consegnati i premi della XV edizione dei CasaClima Awards
» le altre news


EVENTI SU ARCHITETTURA E DESIGN
25/09/2017 - bologna
Cersaie 2017
Costruire, abitare, pensare
26/09/2017 - bologna
Bologna Design Week 2017

27/09/2017 - politecnico di bari
MAXON Cinema4D Roadshow 2017

» gli altri eventi
 NEWS CONCORSI
+22.09.2017
Ascotrade riqualifica l'HQ in chiave eco-compatibile
+21.09.2017
Floating Room Competition scade il 9 ottobre
+20.09.2017
XI Edizione del Premio internazionale Bruno Zevi
+19.09.2017
Firenze chiama 'alle arti' con #florencecalling
+18.09.2017
Monfalcone riqualifica un'area urbana centrale
tutte le news concorsi +

ADA 2017
Avento
Condizioni generali | Informativa Privacy | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2005-2017 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 - Tutti i diritti riservati