Ethimo

Acustica

Ring

Aquablade

Roca


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

HI-MACS

Maison L: la casa-borgo di Christian Pottgiesser
Muri a secco e cemento armato a vista, inseguendo Kahn e Scarpa
Autore: mauro lazzarotto
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
24/09/2012 - L’estensione di una orangerie nelle Yvelines, a meno di mezzora di macchina dal centro di Parigi, è diventata l'occasione per lo studio di Christian Pottgiesser di scomporre il concetto di casa unifamigliare e ricomporlo secondo uno schema originale e stratificato: ecco la Maison L.

La casa è stata pensata per una coppia e per i loro 4 figli e si compone di cinque torri in cemento armato a vista che svettano da uno zoccolo più basso. Ogni volume ospita una zona notte dedicata, disposta su tre livelli: spogliatoio al piano terreno, bagno al primo e camera da letto all’ultimo. Lo spazio è volutamente minimo, intorno agli 8-10 m2 per piano, solo la torre dei proprietari è un po' più grande e gode di un giardino pensile sulla copertura.

Il piano terreno invece è molto ampio, questo spazio comune collega i singoli elementi in modo fluido, in contrasto con la rigida geometria delle torri, e i suoi muri curvi sono bordeggiati esternamente da un rivestimento in pietra a secco. L’aspetto dell’intervento nel suo complesso ricorda un piccolo villaggio mediterraneo, per la stratificazione di elementi, per i volumi massicci e per la fusione con la natura che sembra quasi in procinto di (ri)conquistare il piccolo villaggio.

Vista la qualità della composizione si possono azzardare paragoni importanti, il primo è a Louis Kahn che, dopo il suo soggiorno a Roma, iniziò a dedicarsi a quelli che lui chiamava "ruderi abitati". Come nell'opera di Kahn, l'uso di materiali "ruvidi" e scarni è riscaldato dagli elementi di chiusura, dai serramenti che nel loro tono caldo rivelano "la civiltà", il loro essere non solo abitati ma anche confortevoli.

Il secondo paragone è con l'opera di Carlo Scarpa. In luogo della presunta ineffabilità dell'opera scarpiana o peggio delle sue imitazioni filologiche e un po' pedanti, può essere utile ravvisare elementi scarpiani anche nell'opera di un autore che forse conosce appena il maestro veneziano. Non troviamo qui la minuziosa ricerca del dettaglio ma lo slittare dei muri in modo da creare allineamenti e aperture "significanti" e la volontà di marcare i passaggi, per esempio "spezzando" una scala, in modo che non la si possa percorrere meccanicamente e senza pensarci.

  Scheda progetto: Maison L
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto
Vedi Scheda Progetto


Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

Non hai un account Facebook?Clicca qui Utilizza il mio account Facebook

ULTIME NEWS SU CASE & INTERNI
17.10.2017
Materia: food, coffee and design store nel cuore di Roma
16.10.2017
Rinascente apre a Roma un nuovo flagship store
13.10.2017
Bar/Ristoranti/Hotel d’Autore 2017: i vincitori
» le altre news

  Scheda progetto:
christian pottgiesser architecturespossibles

Maison L

 NEWS CONCORSI
+17.10.2017
Ancora due concorsi di progettazione per Palermo
+16.10.2017
ATA2018 - Architectural Thesis Award
+13.10.2017
In scadenza il concorso per il Piazzale della Stazione di Belluno
+12.10.2017
La nuova edizione dei Premios Ceramica di ASCER
+11.10.2017
Idee per l’allestimento della sede museale di Sovizzo
tutte le news concorsi +

Wide
Condizioni generali | Informativa Privacy | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2005-2017 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 - Tutti i diritti riservati