Milano Design Week 2014 Milano Design Week 2014

Gentry Home

Caminetti a gas


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE CERSAIE
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS


Sika

Europan 10: ‘Grafting Urbanism’ vince a Genova
Il gruppo di Daniele Cappelletti per la riorganizzazione dell'area Begato-Rivarolo
Autore: cecilia di marzo
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
28/01/2010 - Il gruppo composto dai giovanissimi Daniele Cappelletti, Alessandro Busana, Pietro Vincenzo Ambrosini e Karol Konrad Czarzasty è risultato vincitore del concorso Europan 10 per la riorganizzazione dell'area Begato-Rivarolo a Genova.
 
Partendo dalla considerazione di come il sistema infrastrutturale rappresenti l’elemento predominante nel paesaggio, i progettisti hanno ritenuto importante considerare il processo di un suo potenziamento come una grande opportunità per la Valpolcevera.
 
Grazie alla sua posizione strategica, posta all’imbocco del tunnel del Terzo valico in direzione Milano e quello di Voltri in direzione Marsiglia, l’abitato di Rivarolo rappresenta l’unica area in cui potrebbe venire realizzata, tra i due tunnel, una stazione passante per l’alta velocità evitando l’inversione di direzione per i treni (che comporterebbe una perdita di circa 25 minuti, rendendo vano il tempo guadagnato dall’alta velocità). La stazione “porta” permetterebbe ai treni provenienti da Milano di proseguire verso Nizza e Marsiglia senza perdere tempo, mentre i treni diretti a Genova proseguirebbero verso la stazione centrale di Genova Principe. La linea ad alta velocità, percorsa solo dai treni passeggeri, collegherebbe i due tunnel attraverso la stazione Porta passando sotto il fiume Polcevera a quota -21 metri. La posizione di Rivarolo sarebbe ottimale anche per la possibilità di realizzare un nodo di interscambio con la linea dei treni regionali e la linea metropolitana. Una linea funicolare potrebbe poi collegare la stazione con i quartieri residenziali di Begato. La Stazione Porta di Rivarolo potrebbe rappresentare un cardine per lo sviluppo urbano di Rivarolo, convertendo le problematicità connesse al pesante sistema infrastrutturale esistente in una grande opportunità. In fondo la capacità di essere nodo infrastrutturale per la mobilità è anche la vera vocazione territoriale della Val Polcevera.
 
La proposta progettuale per le aree di Rivarolo e di Begato si basa su un impostazione strategica comune. La tendenza recente nello sviluppo della città contemporanea è stata caratterizzata dal binomio: consumo di territorio (con conseguente espansione dei limiti urbani) e mobilità privata (strettamente connessa alla città diffusa). Per porre fine a questo circolo vizioso è necessario compiere delle scelte precise. Il progetto per Genova intende limitare l’espansione urbana densificando il tessuto già costruito è potenziando il sistema della mobilità pubblica quale unica soluzione per migliorare la qualità della vita e limitare i danni all’ambiente. La zona di Teglia, definita da un tessuto urbano già consolidato, potrebbe, grazie alla funzione di attrattore della stazione intermodale, incrementare la propria densità urbana. Le zone produttive attualmente presenti nella zona di Teglia andrebbero progressivamente trasferite sull’altra sponda del Torrente Polcevera lasciando spazio a nuove aree dedicate al terziario e al residenziale.
 
Il progetto per la zona di Rivarolo-Teglia si configura come un processo di forte densificazione del tessuto urbano esistente. Il grande arco dell’HUB ferroviario rappresenta la porta che Genova offre all’Europa verso il Mediterraneo e definisce per l’area di Rivarolo il fulcro di una nuova urbanità basata sul recupero delle aree industriali in disuso. Per questo motivo la nostra proposta progettuale si è spinta oltre l’area di progetto arrivando ad immaginare una configurazione progettuale unitaria dell’intero abitato. La piazza antistante la stazione rappresenta il nuovo riferimento per gli abitanti, mentre i blocchi residenziali articolati secondo una griglia creano quella connessione con il tessuto urbano esistente che nello stato attuale di frammentazione appare irrealizzabile. Il parco lineare lungo il fiume connette organicamente i diversi elementi dell’intervento con la trama esistente e ospita sopra di sé gli edifici terziari che con leggerezza filtrano l’immagine della valle.
 
L’area di Begato presenta un’alta densità insediativa e al tempo stesso una forte carenza di servizi e di spazi pubblici: è caratterizzata da una bassa intensità urbana. Il progetto si configura quindi come un intervento di rigenerazione del tessuto costruito attraverso il potenziamento e il miglioramento degli spazi pubblici e il diradamento del volume degli edifici più critici (le Dighe). Le problematiche sociali, e quelle spaziali-urbanistiche a Begato sono strettamente connesse. Di fronte a situazioni critiche la risposta più semplice e istintiva potrebbe essere la “tabula rasa”.
Riteniamo invece che sia più efficace valorizzare ciò che già esiste, attraverso una successione di operazioni mirate e puntuali. Le Dighe, con la loro gigantesca massa, rappresentano un riferimento importante nella memoria collettiva e vanno preservate.
La vera sostenibilità è rappresentata dal riutilizzo del patrimonio edilizio esistente, senza demolizioni affrettate e ricostruzioni. Attraverso delle semplici operazioni booleane vengono ricavati spazi di aggregazione: SOTTRAZIONE per ricavare ambienti pubblici dedicati ad ogni blocco verticale della Diga, ADDIZIONE per creare una copertura continua percorribile e per dotare gli appartamenti di ampi balconi.


  •   Curriculum gruppo di progettazione


  • Consiglia questa notizia ai tuoi amici
      News sull'argomento
    16/03/2011
    Al via Europan 11 concorso biennale europeo under 40
    Tema del 2011: Risonanza fra i territori e modi di vita. Quali architetture per una città sostenibile?

    19/02/2010
    Olanda: Galasso e Shabaev vincono Europan 10 a Emmen
    Un intervento urbano ispirato all’antica arte giapponese del kintsugi

    17/02/2010
    La 'Leaf Community' di Iotti+Pavarani vince Europan 10 a Norimberga
    Un progetto per il nuovo quartiere nell'area metropolitana

    11/02/2010
    Rijeka: Studio Ludens vince Europan 10 Croazia
    Il progetto riguarda un nuovo complesso a uso misto

    10/02/2010
    Belgio: firma trevigiana per il municipio di Gembloux
    Lo studio Demogo vince il concorso Europan 10


    Inserisci un commento alla News

    Non hai un account Facebook?Clicca qui Utilizza il mio account Facebook

    ULTIME NEWS SU RISULTATI
    10.03.2011
    Young Architects Program MAXXI: vincono i romani stARTT
    02.03.2011
    Areale ferroviario di Bolzano: vince il team di Boris Podrecca
    28.02.2011
    'Progetto in evoluzione. Giò Ponti e Villa Favorita a Valdagno': gli esiti del concorso
    » le altre news


     NEWS CONCORSI
    +25.07.2014
    WonderLAD. L’Architettura incontra la Solidarietà
    +24.07.2014
    Hettich e Rehau bandiscono 'Take furniture to the next level'
    +23.07.2014
    Orti per tutti: concorso per un'agricoltura urbana
    +22.07.2014
    Oikos bandisce 'Progetta la tua Architettura d’Ingresso'
    +21.07.2014
    Al via la 6a edizione di Urban-promogiovani
    tutte le news concorsi +



    Sika
    Condizioni generali | Informativa Privacy | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
    © 2005-2014 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 - Tutti i diritti riservati