Grand Prix Casalgrande Padana

Catalano al Cersaie 2015

Ciliegio americano


SPECIALE MILANO DESIGN WEEK
SPECIALE MAISON&OBJET
SPECIALE LONDON DESIGN FESTIVAL
SPECIALE CERSAIE
SPECIALE IMM COLOGNE
INTERVISTE - DESIGN TALKS

Portraits of life

L’Ungheria alla 11ª Biennale di Venezia
Corpora in Si(gh)te doubleNegatives Architecture
Autore: miriam de candia
segnala ad un amico | versione stampabile
Dimensione testo  
 id=
10/10/2008 – Il Padiglione Ungheria fa la sua settima apparizione alla Biennale di Venezia con l’opera Corpora in Si(gh)te doubleNegatives Architecture.
 
L’esposizione, a cura di Gyula Július, in atto dal 14 settembre al 23 novembre presso i Giardini di Venezia, ospita quest’anno un lavoro messo a punto dal gruppo nippo-svizzero-ungherese doubleNegatives Architecture.
 
I natali dell’opera risalgono al 2004 quando il team, guidato dall’architetto giapponese Sota Ichikawa, e composto dagli artisti del software Ákos Maróy, Max Rheiner e Kaoru Lobata, ha deciso di realizzare “una raccolta di punti di vista e ricerca” al fine d’indagare “come siano strutturati i processi di percezione, cattura e controllo dello spazio operati tanto dalla mente umana, quanto dalle tecnologie digitali”. 
 
In vista dell’esposizione il lavoro originale è stato arricchito. Nello spazio attorno al Padiglione una rete di 40 sensori wireless a bassa tensione capta ed elabora in tempo reale i dati fisici relativi a temperatura, luce, umidità e suoni dell’ambiente circostante, ritrasmettendoli all’unità generativa di elaborazione delle informazioni di Corpora. Al contempo, delle telecamere riprendono e trasmettono in real time le immagini di quanto accade all’esterno dello spazio espositivo, a loro volta proiettate sulle pareti dello spazio espositivo.
 
Fine ultimo dell’operazione, far sì che il visitatore possa comprendere come la struttura influenzi e “riempia” di sé l’area che occupa. Per questa ragione doubleNegatives Architecture ha fatto ricorso ad un approccio olistico, dove viene superato il confine tra spazio virtuale e spazio naturale, in vista di un movimento in cui convergono architettura, design e media art.
 
Auspicio del progetto, quello di “creare edifici che conversino con l’ambiente che li circonda in modo interattivo, che mutino in base alle esigenze dell’uomo, e che agiscano in modo coerente”.











Consiglia questa notizia ai tuoi amici
Inserisci un commento alla News

Non hai un account Facebook?Clicca qui Utilizza il mio account Facebook

ULTIME NEWS SU BIENNALE 2008
28.10.2008
I Paesi Nordici alla 11ª Biennale di Venezia
24.10.2008
L’Olanda alla 11ª Biennale di Venezia
23.10.2008
''Fabrica Cultura" alla Biennale di Venezia
» le altre news


1
2
 NEWS CONCORSI
+01.09.2015
Premio Codega 2015: soluzioni di eccellenza nel lighting design
+31.08.2015
PerfecTABLE: qual è la tua idea di tavolo perfetto?
+28.08.2015
Triennale di Milano e IULM promuovono Italy in a Frame
+27.08.2015
Il concorso di idee “London: School of Arts in Shoreditch”
+26.08.2015
Premio Riabita 2015: Ripensa, Ristruttura e Riqualifica
tutte le news concorsi +

Portraits of life
Condizioni generali | Informativa Privacy | Note Legali | Assistenza | Lavora con noi | Pubblicità |  Rss feed
© 2005-2015 Edilportale.com Spa, P.IVA 05611580720 - Tutti i diritti riservati