home + architetture + case & interni + concorsi + eventi + progetti + progettisti + blog + prodotti +
Rossana Cucine
lunedì 14 febbraio 2011

ARTE E CULTURA & ORTI E COLTURA

dal blog L'architetto nel verde, di Umberto Andolfato


Siamo in vista di una rivoluzione “orticolturaria”, diversi sono infatti i segnali che mettono in evidenza come in luoghi, anche impensati, qui a Milano stiano nascendo orti e centri “colturali” che si esaltano per il peperone cresciuto sul balcone o il rapanello cresciuto nel tinello. Sembra strano ma nella nostra città, inquinata all’inverosimile, dove ormai le polveri sottili coprono i più piccoli interstizi del nostro abitare, invece di guardare a salvaguardare più in generale il nostro ambiente, come al solito guardiamo al nostro orticello e non in senso figurato. Le stesse persone che cercano con ansia l’ultimo ritrovato biologico, nel super mercatino biologico con la scritta biologico, proveniente da coltivazioni sicuramente biologiche, mangiano con grande gioia il peperone di balcon coltivato che se fosse sottoposto ad una analisi batteriologica risulterebbe tassativamente tossico.
Tutto questo perché Milano nel 2015 vorrebbe diventare un grande orto attraverso l’EXPO e molti stanno raccogliendo questo segnale nel modo più errato possibile, compresi anche alcuni miei esimi colleghi, che stanno proponendo orti per Milano come fossero la panacea di tutti i nostri problemi. Io ritengo invece che questo tipo di messaggio va al di là del semplice fatto in sé, l’orto è l’alimentazione, è la cultura di un popolo, è l’educazione ad un grande problema che coinvolgerà il nostro pianeta nei prossimi anni:il cibo. Allora per trasmettere questo messaggio c’è un solo posto in Milano o nelle altre grandi città dove possiamo lavorare cercando di perseguire un obiettivo educativo: le scuole. E’ all’interno di queste strutture che con una serie di esperienze, pratiche e conoscitive, si deve far apprezzare il valore del cibo e della cultura che vi è dietro a questo. Non è importante solo far vedere ad un bambino come cresce una pianta, ma bisogna spiegarne il valore anche in termini nutrizionali. E’ necessario far capire che non tutte le piante crescono dappertutto e sempre, è necessario far capire che molte di queste essenze vengono da lontano e che magari sarebbe preferibile chiedere frutti nostrani anziché esotici e nelle stagionalità corrette. Si potrebbero valutare delle tappe conoscitive rispetto ai vari gradi scolastici e creare un percorso dagli asili alle medie. Questo sarebbe un’operazione educativa non legata a mode o momenti ma sviluppata con un senso logico rispetto anche agli alti obiettivi dell’EXPO.
Milano dovrebbe perseguire il fine di diventare non una grande città-orto ma una città-arte, dove invece di far finta di coltivare per la città ortaggi, si dovrebbe coltivare cultura. I nostri giardini, grandi, piccoli, di quartiere, di periferia, big, pocket, dovrebbero contenere opere, sculture che ci ricordano i Paesi che andremo ad ospitare per l’EXPO, Milano potrebbe diventare il più grande parco di arte contemporanea del mondo. Ogni nazione partecipante all’EXPO, potrebbe sponsorizzare un’area verde, ed essa diverrebbe riconoscibile da coloro che ci verranno a trovare, dai brasiliani, agli australiani, dai cinesi, ai canadesi, tutti avranno in Milano un’area dove ritrovarsi, farsi fotografare accanto all’opera che identifica la loro cultura, la loro nazione, il loro popolo. Così facendo avremo raggiunto più obiettivi, da una parte con l’orti coltura reso consapevoli i nostri ragazzi sull’importanza del tema dell’EXPO, lavorando nei luoghi più importanti: le scuole. E dall’altro con l’arte e cultura ridato alla nostra città degli spazi verdi ristrutturati e una nuova ed importante identità a Milano che rimarrà nel tempo come segno tangibile di una esperienza che ne ha cambiato il futuro.



postato da Umberto Andolfato lunedì 14 febbraio 2011 alle ore 08:40    | commenti: 0 | Bookmark and Share



 Commenti:

 Nessun commento inserito per questo messaggio



 Inserisci un commento:
Il tuo indirizzo IP:   54.237.197.160
Nome e cognome:  
E-mail:  
Commento:
(max: 8000 caratteri)  
  Ricopia qui il codice visualizzato a lato
Attenzione: i seguenti commenti non sono moderati dalla redazione. Ogni utente (individuabile mediante tracciamento IP) si assume la piena responsabilità del contenuto delle proprie affermazioni.

 il blog di
 Umberto Andolfato

<< ottobre 2014
dom
lun
mar
mer
gio
ven
sab
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  


ULTIMI POST INSERITI
» lunedì 11 aprile 2011
Arte e Natura


» lunedì 14 febbraio 2011
ARTE E CULTURA & ORTI E COLTURA


» mercoledì 27 ottobre 2010
GIARDINI TASCABILI A MILANO


» mercoledì 1 settembre 2010
Biennale di Architettura di Venezia


» lunedì 19 luglio 2010
ATTENZIONE CI RIPROVANO!


» lunedì 31 maggio 2010
VEGETAL CITY - Luc Schuiten


» venerdì 28 maggio 2010
COME CAMBIA MILANO


» martedì 23 marzo 2010
SINE DIA SINE DIE


» venerdì 26 febbraio 2010
IDEALISTI AL VERDE


» mercoledì 27 gennaio 2010
Il giardino dei giusti



ARCHIVIO
» aprile 2011
» febbraio 2011
» ottobre 2010
» settembre 2010
» luglio 2010
» maggio 2010
» marzo 2010
» febbraio 2010
» gennaio 2010
» dicembre 2009
» novembre 2009
» ottobre 2009
» settembre 2009


» torna al blog
» torna alla room Archiportale
Blog by Archiportale.com