home + architetture + case & interni + concorsi + eventi + progetti + progettisti + blog + prodotti +
Dedon
PAESAGGI EXTRAORDINARI
il blog di Diego Stefani


giovedì 28 giugno 2012

Live the Leaf


OAM Architecture partecipa ad Europan 11.

L’Ambito Est di Peje occupa una striscia del contesto urbano, avente un asse verticale in direzione nord / sud. La striscia è definita a nord dal parco Karagaci e dagli impianti sportivi, oggi poco utilizzato e forse troppo dispersivo. Questo forte segno costringe un legame irrinunciabile tra le due aree, quella esistente e quella in espansione, infatti ci dovrà essere una continuità verde, quasi una spina dorsale che leghi i due centri verdi; che si rapporti con le zone residenziali a est e a sud e che si leghi al verde che permea nell’area dalla collina a ovest e da sud.

Ogni piazzetta può presentarsi mediante una diversa poetica di lettura di ambienti di vita calma con la serenità di sedili, alberi, verde, acqua, con assenza di autoveicoli salvo nei due percorsi lenti che collegano la via principale con Zatra e con il quartiere a Sud dell’area di progetto.Il verde che si estenderà sia sulla copertura sia sul piano 0 offrirà una sensazione di continuità e i corpi degli edifici nasceranno dalla sottrazione delle piazze.



postato da Diego Stefani giovedì 28 giugno 2012 alle ore 13:42    | commenti: 0 | scrivi un commento |





martedì 26 giugno 2012

ORTO IN CITTA'


Siamo a Milano, sulla terrazzo del tetto del locale ATM, zona Bastioni di Porta Volta, qui si trova un esempio “estremo” di orto urbano. Realizzato e curato da un anno dal fotografo Riccardo Rinetti e dal regista Paolo Calcagni, e da due agronomi, queste cinque vasche di legno ,non troppo alte, per lavorare la terra più facilmente, accolgono una piccola coltivazione di melanzane, carote, finocchi, fagioli borlotti, cipolle, cavoli, peperoni e anche peperoncini.

Naturalmente, oltre all’aspetto agronomico questo progetto denominato ‘L'Orto contemporaneo viziato e selvaggio’ avrà anche un altro risvolto,diventando un film, in cui si racconteranno le varie fasi della crescita naturale senza nessun additivo chimico per migliorarne le qualità

Caratteristiche di quest’orto urbano:
cinque vasche di legno
fondo speciale di tela che lascia passare l'umidità,
strato di argilla espansa
terriccio molto fertile e leggero, mescolato a pietra pomice.



postato da Diego Stefani martedì 26 giugno 2012 alle ore 10:24    | commenti: 0 | scrivi un commento |





martedì 19 giugno 2012

MC MOBILE


Un articolo molto leggero, di carattere fanciullesco.

Nella classica tradizione dei camion di gelati e di carrelli pop-corn, il McMobile accompagna la giornata dei grandi eventi sportivi, concerti, feste di strada e altri eventi in cui sono presenti grandi folle e persone in attesa di entrare in tali eventi o per comprare i biglietti, il McMobile sarebbe non solo una gradita distrazione e divertente, ma la possibilità di ottenere qualcosa da mangiare che probabilmente mangerebbero comunque al momento di accedere alla manifestazione.

A seconda della posizione e requisiti specifici, il McMobile potrebbe assumere la forma di un auto oppure diventare un treno intero divertimento con i vari componenti di un pasto raffigurato in ogni car

Tipico dei diversi McDonalds il personale e animatori interagiscono con la folla; I colori sono brillanti e l’aspetto è fumettoso e infantile.



postato da Diego Stefani martedì 19 giugno 2012 alle ore 10:13    | commenti: 1 | scrivi un commento |





giovedì 14 giugno 2012

Hexegame


OAM Architecture presenta un progetto per Europan 11.

Gran parte della popolazione finlandese vive nelle case con ampie zone verdi, con una superficie di circa 800-1500 m2di occupazione. Nelle zone rurali le dimensioni della trama sono più grandi. Lo sviluppo di una cultura residenziale nelle città con una forma più densa della casa è stata a lungo in discussione, ma il cambiamento è stato lento, e buoni esempi sono necessari.

Lo scopo del progetto è quello di offrire un nuovo modo di vivere la città-spazio dove le persone sono in grado di riscoprire l'elemento sociale / communitario con una dimensione minore e uno spazio per le persone, dando la priorità alla mobilità sostenibile e la promozione di un ambiente sostenibile.

Questo significa progettare uno spazio modulare in grado di soddisfare diverse esigenze urbane. Per questo motivo ogni modulo esagonale è composto da case, giardini privati, parchi pubblici, spazi comuni, spazi commerciali e servizi, al fine di cambiare i comportamenti degli utenti della nuova città.

www.oamarc.com
http://www.facebook.com/OamArchitecture



postato da Diego Stefani giovedì 14 giugno 2012 alle ore 10:37    | commenti: 5 | scrivi un commento |





martedì 12 giugno 2012

STADIO NELLA SABBIA


Lo studio degli Architetti MZ, sotto la direzione dell'architetto Marwan Zgheib, ha progettato uno stadio massimizzando l'utilizzo di materiali locali, fondendo in un unico elemento paesaggio e architettura, creando un'esperienza di continuità tra le attività dello stadio e il paesaggio del deserto.

Da lontano lo stadio si fonde con l'ambiente circostante, rispettando la bellezza del paesaggio. Le formazioni rocciose sono utilizzati come una componente estetica, migliorando le caratteristiche naturali del sito; il l 200.000 metri quadrati della struttura si basano su una serie di piani emergenti che modellano lo spazio, e fasci di luce illuminano il sito di notte, trasformando lo stadio in un luogo potente e simbolico per eventi nazionali e l'attività all’aperto.



postato da Diego Stefani martedì 12 giugno 2012 alle ore 13:44    | commenti: 5 | scrivi un commento |



« Mese di marzo

CHI SONO
Diego Stefani

vai alla mia
scheda progettista


<< aprile 2014
dom
lun
mar
mer
gio
ven
sab
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      

ARCHIVIO
» novembre 2012
» ottobre 2012
» settembre 2012
» agosto 2012
» luglio 2012
» giugno 2012
» maggio 2012
» aprile 2012
» settembre 2009
Blog by Archiportale.com